Servizio di diagnostica non invasiva

dott angela liloiadott daniela carellaResponsabile (Monza):
Dott.ssa Daniela Carella
Responsabile (Verano):
Dott.ssa Angela Liloia

Équipe

  • Dott. Mario Levati Referente per l’attività ambulatoriale di angiologia e flebologia
  • Caposala: Sig.ra Carmen Marroquin

Strutture

Il servizio dispone, complessivamente nella sede centrale di via Amati 111, Monza e presso l’Istituto Clinico Universitario di Verano Brianza di 4 ambulatori dedicati alla visita specialistica nonché di due ambulatori per l’ecocolordoppler. Dal punto di vista della Diagnostica per immagini il Servizio si appoggia altresì al relativo Dipartimento che dispone di 3 Risonanze Magnetiche e due Tac (si veda per i dettagli sezione Dotazione tecnologica)

Dotazione tecnologica

SEDE DI VIA AMATI, MONZA
GE Healthcare T.A.C. Discovery CT 750 HD-VEO 128 slice
GE Healthcare Risonanza Magnetica Optima 450W GEM1,5 tesla
Hitachi ecografo Logus
Esaote ecografo Mylab 70
SEDE DI VERANO BRIANZA
GE Healthcare T.A.C. Brightspeed 16 slice
GE Healthcare Risonanza Magnetica Signa Hdx 1,5 tesla
Esaote Ecografo Mylab 70

Attività del servizio

L’attività diagnostica comprende ambulatori muniti di apparecchi eco-color-doppler, apparecchiature di diagnostica per immagine (TAC e RM) e ambulatori dedicati alla visita accurata del paziente e alle medicazioni di cui necessita.
L’eco-color-doppler sicuramente rappresenta l’indagine di primo livello, poco costosa e non invasiva, che permette l’inquadramento della patologia vascolare del paziente.
Tutta l’attività diagnostica copre sia le esigenze interne, dei reparti e sia la richiesta di prestazioni dell’utenza esterna, erogate sia in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale che di solvenza. Gli esami svolti comprendono:
  • Visita chirurgica vascolare
  • Eco-color-doppler
    • dei tronchi sovraortici (TSA)
    • arterioso degli arti superiori ed inferiori
    • venoso degli arti superiori ed inferiori
    • dell’aorta addominale e arterie iliache
    • delle arterie viscerali
    • scrotale e penieno
    • studio di CCSVI



La visita chirurgica vascolare

La visita chirurgica vascolare caratterizzata dall’anamnesi e dall’esame clinico è finalizzataall’individuazione della patologia vascolare e nello specifico dell’arteriopatia obliterante del distretto aorto-iliaco, femoro-popliteo e carotideo; della malattia cerebrovascolare, in particolare patologie riguardanti le arterie vertebrali e carotidee; dell’aneurisma che è una dilatazione permanente di un tratto arterioso (normalmente si considera aneurismatico un segmento arterioso quando il suo diametro raggiunge il doppio di quello considerato normale); della patologia venosa rappresentata da varici, tromboflebiti e sindrome post-trombotica; della patologia linfatica (linfedema primario e secondario); della stadiazione della sclerosi multipla attraverso l’esame eco-color-doppler delle vene giugulari (studio di CCSVI).
Infine la visita comprende l’inquadramento anche del paziente portatore di ulcere croniche.
L’ulcera cronica, soprattutto degli arti inferiori, è per definizione una soluzione di continuo del tessuto dermo-epidermico e che non mostra segni spontanei di guarigione.
L’ulcera può essere l’espressione clinica di plurime patologie locali e/o sistemiche.
L’ambulatorio di chirurgia vascolare soddisfa anche la parte estetica della patologia varicosa.
Infatti attraverso la terapia sclerosante eseguiamo il trattamento delle teleangectasie.

L'eco-color-doppler

ecocolordopplerL’evoluzione della tecnica ultrasonografica è arrivata al punto da consentire ad apparecchiature quali l’eco-color-doppler di visualizzare contemporaneamente l’anatomia del vaso insonorizzato (pareti e lesioni endoluminali) ed il flusso ematico all’interno dello stesso (velocità e direzione). “Vedendo” il vaso, è possibile stabilirne il decorso, le sue eventuali anomalie, il suo rapporto con altre strutture adiacenti e nel contempo, misurarne diametro di sezione, lunghezza ed area trasversale. La colorazione rossa e/o blu dei punti all’interno del vaso indicano la direzione del flusso, mentre variazioni verso il verde o il giallo della scala colore danno indicazioni sulla tua turbolenza.
L’eco-color-doppler dei tronchi sovraortici è indicato in tutti i pazienti con TIA, ictus recente o stabilizzato, nei pazienti asintomatici ma con fattori di rischio multipli (ipertensione arteriosa, diabete mellito, dislipidemia, familiarità, tabagismo) e nei pazienti affetti da coronaropatie e arteriopatie. L’eco-color-doppler delle arterie degli arti inferiori è un esame integrativo della valutazione clinica e completa, sotto il profilo morfologico, la valutazione emodinamica globale. L’obiettivo dell’esame è l’individuazione di lesioni vascolari causa della sintomatologia lamentata dal paziente (claudicatio) e l’eventuale approfondimento diagnostico in previsione di intervento chirurgico/endovascolare.
L’eco-color-doppler venoso degli arti inferiori è lo studio del sistema venoso superficiale e profondo per l’individuazione di varici ed eventuali trombosi. La trombosi venosa profonda rappresenta, almeno per quanto riguarda l’asse venoso popliteo-femorale, il quadro patologico più rilevante.
L’eco-color-doppler degli arti superiori è particolarmente indicato nello studio del tratto arterioso succlavio-axillo-ascellare e nella valutazione morfologica ed emodinamica del sistema venoso profondo e superficiale.
L’eco-color-doppler dell’aorta addominale rappresenta l’indagine diagnostica principale di screening dell’aneurisma dell’aorta sottorenale e consente agevolmente di valutare il diametro antero-posteriore e trasversale dell’aneurisma, la presenza di materiale trombotico e il coinvolgimento delle arterie iliache.
L’eco-color-doppler scrotale e penieno è finalizzato alla diagnosi di patologie quali il varicocele e il deficit erettile. Inoltre bisogna sottolineare che la maggior parte dei controlli post-chirurgici delle patologie vascolari vengono effettuati con tale metodica, accurata, poco costosa e non invasiva.
L’équipe di Chirurga Vascolare garantendo un servizio di reperibilità continua è in grado di fornire un servizio di ecografia vascolare in urgenza sia per il Pronto Soccorso che per tutto l’Ospedale. La grande versatilità strumentale della diagnostica vascolare unitamente all’esperienza del personale medico permettono di risparmiare tempo prezioso per il paziente.

Diagnostica per immagini

ANGIO-TAC e ANGIO-RM
L’indagine diagnostica di II livello è rappresentata da un esame TAC o risonanza magnetica con mezzo di contrasto. Il policlinico di Monza possiede una Tomografia Assiale Computerizzata multislice: TAC Discovery CT 750 HD-VEO 128 slice e una Risonanza Magnetica Optima 450 W GEM 1,5 Tesla in grado di fornire, attraverso le ricostruzioni, immagini con alta specificità e sensibilità, attraverso un esame non invasivo se non per l’iniezione del mezzo di contrasto. La più importante applicazione della TC spirale nello studio dei vasi è senz’altro quella per l’aorta in caso di patologia aneurismatica. La seconda applicazione in ordine di frequenza, riguarda la patologia steno-occlusiva delle arterie carotidi e delle arterie degli arti inferiori.
Le tecniche che utilizzano il mezzo di contrasto offrono entusiasmanti opportunità per il futuro e competono con l’angiografia nella valutazione dei distretti vascolari arteriosi prima di sottoporre il paziente ad un intervento chirurgico o endovascolare.

News dal Gruppo

Il 13-14-15 maggio 2022 presso il palazzo del Parlamento Rumeno di Bucarest si è tenuta la conferenza nazionale “Équipe medica multidisciplinare: il sistema privato - partner...
In occasione della Settimana Mondiale della Tiroide, 23-27 Maggio 2022, il Policlinico di Monza, limitatamente alla sede del Poliambulatorio di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo di Via...
Il Dott. Stefano Ciardullo del Centro di Diabetologia, Endocrinologia e Malattie del Metabolismo del Policlinico di Monza, ha pubblicato sulla rivista Diabetes Research and Clinical Practice l’...