Operare in sicurezza

Per operare in sicurezza occorre personalizzare il più possibile il pre-ricovero con il preciso intento di valutare le condizioni mediche e il conseguente rischio connesso alle difficoltà dell’intervento e alle comorbilità che possono alterare le risposte cliniche del paziente.

Le indagini sono rivolte alla valutazione della “sicurezza chirurgica” e della “sicurezza anestesiologica”.

La prima è individuata secondo una scala internazionale che ne definisce il grado di complessità dell’intervento, si parla in questo caso di “Grading chirurgico”; la scala di complessità va da 1 a 4 secondo una graduatoria di complessità crescente.

La “sicurezza anestesiologica” è individuata anch’essa secondo una scala internazionale che ne definisce il grado di “rischio connesso”; si parla in questo caso di ASA, la scala di complessità va da 1 a 5 secondo una graduatoria di complessità crescente.

Il paziente deve sapere che sulla base del proprio rischio anestesiologico (ASA) o sulla scorta di altri eventuali rischi (infettivologico, pneumologico, diabetologico, nefrologico) che verranno valutati in corso di visita, nonché dalla combinazione risultante dall’incrocio tra “ASA” e “Grading” potranno essere richiesti ulteriori accertamenti diagnostici o di laboratorio.

E’ evidente quindi che non è detto che ogni paziente sia sottoposto ai medesimi accertamenti diagnostici.

News dal Gruppo

Ecco le piu’ recenti tecniche a confronto

La patologia emorroidaria affligge circa 4 italiani su 10, si manifesta in diverse forme, da lievi a gravi, ma in ogni caso è un...

Sclerosimultipla: il policlinico diventacentro di riferimento

Il Policlinico di Monza è stato recentemente inserito nell’elenco dei Centri di riferimento, della Regione...

Le novità del prof. Biggi e della sua équipe di Monza

Ogni anno, in Italia, vengono impiantate circa 80.000 artroprotesi d’anca e 60.000 di ginocchio, ad indicare...