Operare in sicurezza

Per operare in sicurezza occorre personalizzare il più possibile il pre-ricovero con il preciso intento di valutare le condizioni mediche e il conseguente rischio connesso alle difficoltà dell’intervento e alle comorbilità che possono alterare le risposte cliniche del paziente.

Le indagini sono rivolte alla valutazione della “sicurezza chirurgica” e della “sicurezza anestesiologica”.

La prima è individuata secondo una scala internazionale che ne definisce il grado di complessità dell’intervento, si parla in questo caso di “Grading chirurgico”; la scala di complessità va da 1 a 4 secondo una graduatoria di complessità crescente.

La “sicurezza anestesiologica” è individuata anch’essa secondo una scala internazionale che ne definisce il grado di “rischio connesso”; si parla in questo caso di ASA, la scala di complessità va da 1 a 5 secondo una graduatoria di complessità crescente.

Il paziente deve sapere che sulla base del proprio rischio anestesiologico (ASA) o sulla scorta di altri eventuali rischi (infettivologico, pneumologico, diabetologico, nefrologico) che verranno valutati in corso di visita, nonché dalla combinazione risultante dall’incrocio tra “ASA” e “Grading” potranno essere richiesti ulteriori accertamenti diagnostici o di laboratorio.

E’ evidente quindi che non è detto che ogni paziente sia sottoposto ai medesimi accertamenti diagnostici.

News dal Gruppo

Disegno, materiali e tecnica chirurgica si svilupperanno a tal punto da offrirci una protesi d'anca anti-usura? «Una protesi potrà definirsi perfetta quando sarà in...

Autori: F.Biggi, M.Chiumenti, A.Ghezzi, A.Isimbaldi, Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia Policlinico di Monza
         ...

Innovazioni tecnologiche alla Pinna Pintor

Un grande passo avanti per la Diagnostica per immagini della Clinica Pinna Pintor di Torino che recentemente ha visto l’arrivo di una nuova...