terapia intensiva cardiochirurgica
Responsabile Anestesia e rianimazione:
Dott. Enrico Visetti

Terapia intensiva post operatoria cardiochirurgia:
Dott. Andrea Cuccio

L’ Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del Policlinico di Monza è composto da un’equipe di 16 qualificati specialisti, che collaborano attivamente e intensivamente con tutti i colleghi delle altre specialità, sia mediche che chirurgiche. Molte indagini cliniche e strumentali , sono possibili solo grazie all’intervento del medico anestesista.
L’anestesista si confronta, con la Medicina Generale e l’Oncologia per l’eventuale assistenza di tipo respiratorio, per la terapia infusionale, per i bisogni nutrizionali parenterali.

Collabora con l’Endoscopia e la Diagnostica per Immagini per facilitare l’esecuzione di indagini strumentali Gli anestesisti, per cultura e sensibilità, per primi hanno indagato il dolore come malattia, e non solo come sintomo. Il processo di diagnosi e cura del dolore è un percorso strumentale, clinico e farmacologico, oggi molto sofisticato e altamente professionale.
Il dolore, sintomo/malattia, è uno stato di assenza di benessere strettamente legato al vissuto del singolo paziente.

Il dolore non è una sofferenza oggettivabile, ma un’esperienza personale che nasce da stimoli nocicettivi e da componenti emotive, esperienziali, educazionali, culturali: l’anestesista si avvale, pertanto, anche della
collaborazione dello psicologo e opera in stretta collaborazione anche con i familiari.
Il recupero di uno stato di benessere, dove il dolore può essere controllato o assente, è aiuto inderogabile per l’auspicata guarigione.

News dal Gruppo

L’infezione delle protesi ortopediche rappresenta uno dei principali problemi della chirurgia prostetica. In questo articolo, il Prof. Calori revisiona le procedure cliniche da adottare per...
Il Dott. Stefano Ciardullo, neo-Specializzato presso la Scuola di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Università degli Studi di Miano Bicocca e in formazione...
La patologia ostruttiva carotidea ha un’elevata prevalenza nella popolazione generale (3,1%) e costituisce la causa del 10-15% di tutti i casi di stroke ischemico. La disponibilità di...